Alberto Monetti Web Site

Focus Idv del 29 luglio 09

CRISI:DI PIETRO, VOCE NAPOLITANO ARRIVATA PRIMA E BENE (ANSA) – ROMA, 29 LUG – ”Apprezziamo la decisione presa dal  presidente Napolitano che finalmente ha fatto sentire prima e  bene la sua voce”. Lo afferma il leader dell’Idv Antonio Di  Pietro commentando le perplessita’ espresse dal presidente della  Repubblica Giorgio Napolitano sul decreto anti-crisi passato con  la fiducia ieri alla Camera.     ”Bene ha fatto – aggiunge – a dire che o la cambiano o non  la firma”.    ”Allo stesso tempo – prosegue l’ex pm – denunciamo  l’irresponsabilita’ di questo Governo che neanche hanno  promulgato la legge con l’ennesimo voto di fiducia che gia’  devono cambiarla a dimostrazione che e’ un voto comprato e che  la maggioranza dovrebbe rendersi conto di quello che vota e non  alzare la mano e basta”.    ”Il decreto anti-crisi – conclude Di Pietro – non opera su  due tempi. E’ semplicemente sbagliato, incostituzionale e  fortemente depressivo nei confronti delle fasce deboli del  Paese”. (ANSA).

SCUOLA. DIALETTO, DI PIETRO: LEGA RICATTA E GOVERNO ACCONSENTE (DIRE) Roma, 29 lug. – “La Lega pensa egoisticamente, ma il problema non e’ la Lega. Il problema e’ il governo che, ricattato, acconsente a cedere a queste richieste anticostituzionali”. Cosi’ il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, parlando con i giornalisti nella sala stampa di Montecitorio.    “Anche noi dell’Idv vogliamo dividere il Paese, certo non tra Nord e Sud, come e’ nelle intenzioni della Lega, ma- conclude Di Pietro- tra gente perbene e faccendieri e criminali, presenti anche in questo governo”.

Matteoli/ Di Pietro: Camera sostituisce furbescamente giustizia _Ieri colpo di mano indecente: parlamentari si salvano a vicenda Roma, 29 lug. (Apcom) – “Ieri, con un indecente colpo di mano, la Giunta per le autorizzazioni a procedere della Camera dei deputati ha scippato alla giustizia ordinaria e alle regole costituzionali un pezzo da novanta della sua casta: il Ministro Matteoli. E’ un copione gi visto, la solita storia della casta che si erge al di sopra della legge per farla franca. Questi signori avranno pensato: ‘Dopo aver dato l’impunità a Berlusconi perché non concederla anche ad un suo ministro?'”. Lo scrive il leader dell’Italia dei Valori, Antonio di Pietro, sul suo blog.  “La storia comincia nel 2004 – ricorda l’ex pm – quando Matteoli, allora ministro dell’Ambiente, avvisa il prefetto di Livorno di un’inchiesta a suo carico riguardante la costruzione di un complesso edilizio sullisola d’Elba: da qui laccusa di favoreggiamento. Il Tribunale dei ministri di Firenze dichiara la sua incompetenza sul caso in quanto reato non ministeriale, da far perseguire, quindi, dalla giustizia ordinaria. Ma la casta non la pensa così. In un primo momento, prova a portare in Parlamento il lodo Consolo: l’ennesimo tentativo di salvataggio di un inquisito di razza per via legislativa. Ma l’attenzione di quella parte della stampa libera, che urla allo scandalo e punta i riflettori su questo vergognoso caso, blocca il diabolico disegno”.  “Ieri – prosegue Di Pietro – la Giunta della Camera avrebbe dovuto attendere la comunicazione dell’archiviazione per non ministerialità del fatto e, non condividendola, avrebbe potuto solo proporre ricorso per conflitto di attribuzioni alla Corte Costituzionale, che avrebbe determinato la natura del reato. Invece, la Camera, usurpando la propria competenza in questa fase anomala per negare l’autorizzazione a procedere, ha abusivamente e furbescamente sentenziato che i parlamentari sono giudici di se stessi e che possono salvarsi a vicenda”.   “Questa volta – conclude il leader dell’Idv – l’ennesimo colpo al principio de la legge uguale per tutti stato sferrato per mano del relatore della Giunta: il deputato del Pdl Maurizio Paniz. Infatti il signore in questione nella sua relazione, votata da tutta la maggioranza, ha sancito due principi: il primo che il reato di cui accusato Matteoli (favoreggiamento) ministeriale, giudizio che non compete certamente ad un organismo politico; il secondo che alla magistratura viene negata l’autorizzazione a processare l’esponente del Pdl. Insomma la Camera non solo si è sostituita alla giustizia, ma addirittura si è pronunciata prima che da parte dei magistrati arrivasse una richiesta in tal senso. Ma evidentemente Matteoli aveva fretta di andare in vacanza”.

Fondi, Orlando (Idv): grave impotenza ministro Interno Roma, 29 LUG (Velino) – “È assai grave dover registrare l’impotenza del ministro dell’Interno con riferimento ad una delicata questione che riguarda l’ordine pubblico e la difesa delle istituzioni rispetto alla criminalita’ organizzata mafiosa. È paradossale e inquietante che tale impotenza venga pubblicamente riconosciuta e che la responsabilita’ venga attribuita allo stesso governo, del quale se non vado errato il ministro Roberto Maroni e’ componente”. Lo ha detto Leoluca Orlando, portavoce nazionale dell’Italia dei valori. “Ogni altro commento e’ superfluo – ha aggiunto Orlando -. Resta solo da registrare l’impotenza dei cittadini e il crescere della sfiducia nelle istituzioni”. (com/elb)

DL ANTICRISI: BELISARIO, GOVERNO DA REPUBBLICA DELLE BANANE = (AGI) – Roma, 29 lug. – ‘Il Governo ha poche idee e anche molte confuse’. Lo dichiara il Presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario a proposito del provvedimento che modifichera’ alcune norme contenute nel DL anticrisi ‘che non abbiamo ancora approvato e che gia’ sono pronti a cambiare’. ‘Abbiamo una maggioranza divisa su tutto e un Governo pasticcione che corregge se stesso oltre ad essere sempre piu’ irrispettoso delle prerogative del Parlamento. Ne’ alla Camera ne’ al Senato l’opposizione ha mai il tempo per approfondire, contrastare, illustrare e migliorare provvedimenti che, come questo, a nostro avviso sono assolutamente negativi. Insomma quello di Berlusconi – conclude Belisario – e’ sempre piu’ un governo da Repubblica delle Banane’. (AGI)

DPEF: MASCITELLI, GOVERNO NON PENSA A RIFORME IMPORTANTI = (AGI) – Roma, 29 lug. – ‘Nel Dpef non ci sono proposte di alcun genere relativamente a quelle che sono le riforme necessarie ed essenziali per il Paese’: lo ha sottolineato il capogruppo dell’Italia dei Valori in Commissione Bilancio al Senato, Alfonso Mascitelli, illustrando in Aula la risoluzione presentata dal Gruppo IdV. ‘Ad esempio per il welfare non e’ prevista alcuna riforma degli ammortizzatori sociali, ne’ alcuna riforma per le pensioni – elenca Mascitelli – cosi’ come per le imprese manca la destinazione di adeguate risorse all’innovazione e alla ricerca. In compenso, per quanto riguarda le infrastrutture, sono stati destinati al Ponte sullo Stretto ben 1,3 miliardi di euro, piu’ 904 milioni per la realizzazione delle opere a terra ad esso connesse’. ‘Secondo l’IdV meglio sarebbe stato – ha concluso Mascitelli – destinare tali somme per finanziare l’emergenza terremoto in Abruzzo, o per adeguare e mettere in sicurezza altre opere infrastrutturali del Mezzogiorno, come la Salerno-Reggio Calabria o la Statale 106 Jonica’. (AGI)

DPEF: LANNUTTI (IDV), DA TREMONTI ANCORA PIROETTE IN SENATO (ANSA) – ROMA, 29 LUG – ”Le piroette di Tremonti non  finiscono mai. Oggi in Senato ha avuto il coraggio di dire che  il suo impegno e’ sempre stato quello di aiutare le imprese e  non le banche. Forse solo alcune, quelle degli amici suoi e dei  banchieri, altrimenti non ci spieghiamo come mai le imprese  piccole e medie, vero motore della nostra economia, siano sempre  piu’ strozzate dalle banche che addirittura sono arrivate a  revocare i fidi con un avviso di 24 ore”. Lo ha detto il  capogruppo dell’Italia dei Valori in commissione Finanze al  Senato, Elio Lannutti, secondo i quale ”questo e’ un Dpef  sbagliato, frutto di una politica economica errata e fraudolenta  nei confronti dei diritti e degli interessi dei cittadini, delle  piccole e medie imprese e delle famiglie, che invece di  stimolare i consumi affossa la domanda per elargire qualche  piccola prebenda in cambio di consenso. Un Governo ed un  Ministro dell’economia seri e responsabili – conclude Lannutti –  avrebbero invece avuto l’obbligo di ampliare le misure a  sostegno dei redditi dei soggetti piu’ deboli, per poter  rilanciare i consumi”. (ANSA).

STRAGI:MURA INTERROGA TREMONTI,INACCETTABILE BLOCCO PENSIONI (ANSA) – BOLOGNA, 29 LUG – ”Quanto denunciato dall’  Associazione dei parenti delle vittime del 2 Agosto e’ molto  grave. E’ semplicemente inaccettabile che questioni burocratiche  impediscano l’applicazione di una legge dello Stato, a maggior  ragione quando si tratta di una legge approvata unanimemente dal  Parlamento e che riconosce i diritti delle vittime del  terrorismo”. Lo dichiara l’on.Silvana Mura, coordinatrice  regionale dell’Italia dei Valori.    ”Mentre a Bologna – prosegue Mura – e’ in corso un serio  dibattito per valutare forme nuove per commemorare al meglio una  delle stragi terroristiche piu’ gravi e crudeli della storia d’  Italia e mantenere viva la memoria dell’orrore del terrorismo,  non vorremmo che ci siano enti pensionistici che fanno di tutto  per disperdere questa memoria con l’unico fine di fare cassa”.    Per fare luce su questa vicenda, Silvana Mura ha annunciato  la presentazione oggi stesso di un’interrogazione al ministro  Tremonti ”chiedendo quali misure intenda attuare il governo per  garantire il pieno rispetto della legge 206/2004”. (ANSA). 9462 4 pol gn00 156 ITA0462;

AFGHANISTAN: PEDICA (IDV), ARGOMENTO ANDAVA TRATTATO IN AULA =       DAREMO NOSTRO SOSTEGNO, MA I NOSTRI MILITARI SONO IN PERICOLO Roma, 29 lug. (Adnkronos) – “L’Italia dei Valori ha pronti  numerosi emendamenti sul provvedimento in esame perche’ vuole aprire  un dibattito serio sul nostro intervento militare in Afghanistan”. E’  quanto afferma il senatore dell’Italia dei Valori Stefano Pedica, che  provocatoriamente siede tra le file del centrodestra nella riunione in corso delle commissioni riunite Difesa ed Esteri per l’esame del ddl  di proroga delle missioni internazionali.        “Dibattito – stigmatizza – che e’ stato mortificato dalla scelta della sede deliberante imposta dal presidente del Senato, nonostante  la contrarieta’ dell’IdV. Un argomento cosi’ importante meritava una  discussione approfondita nella sede naturale dell’Aula per evidenziare le contraddizioni interne al Governo e alla Maggioranza, ma  soprattutto per far comprendere al Paese come la nostra missione di  pace si sia modificata.        “Non intendiamo far mancare il sostegno finanziario e morale  alla missione, ma evidenziare il pericolo per i nostri militari. Dopo  le elezioni del 20 agosto – conclude Pedica – e’ necessario aprire una riflessione seria per valutare se non sia da perseguire una exit  strategy”.

SCUOLA: ZAZZERA (IDV), DA LEGA NUOVA QUESTIONE INACCETTABILE = (AGI) – Roma, 29 lug – ‘Ancora una volta la Lega con la sua cultura razzista, solleva una questione inaccettabile, che peraltro fa emergere una rottura interna al centrodestra’. Lo dichiara Pierfelice Zazzera, capogruppo IdV in commissione Cultura alla Camera. ‘La trovata dei test, pero’ – aggiunge Zazzera – rischia di distogliere l’attenzione dal punto fondamentale: la discussione sul disegno di legge Aprea sulla governance scolastica. E’ fondamentale che questo provvedimento non passi perche’, con la trasformazione degli istituti in fondazioni e delle strutture scolastiche in imprese, mina il diritto allo studio sancito dalla Costituzione’. Zazzera inoltre commenta ‘ Il pericolo del ddl e’ la formazione di classi di docenti dipendenti da chi li assume con la chiamata diretta. Tale meccanismo inoltre non consente di riscontrare la reale competenza degli insegnanti’. ‘L’Italia dei Valori – prosegue Zazzera – esprime un secco no al pacchetto scuola, che distrugge e non crea una vera Governance scolastica’. ‘Le istituzioni scolastiche pubbliche – conclude Zazzera – vanno riformate, ma non smantellandone le caratteristiche fondamentali previste dalla Costituzione, cosi’ come vuole questo Governo.'(AGI)

Sisma Abruzzo/ Delegazione Idv domani incontra aziende in crisi _Zipponi all’Aquila per ascoltare i lavoratori Roma, 29 lug. (Apcom) – Domani il responsabile Welfare e Lavoro dell`Italia dei Valori, Maurizio Zipponi, sarà a L`Aquila per incontrare i lavoratori delle aziende in crisi, a partire dalla Technolabs. Al centro dell`iniziativa, che si terrà alle ore 14 davanti allo stabilimento in località Boschetto, la difficile condizione economica e occupazionale che sta investendo il territorio e che è stata aggravata dal terremoto dell`aprile scorso. A seguire, l`incontro con il capogruppo dell`Italia dei Valori al Consiglio Regionale, Carlo Costantini, per valutare le iniziative da intraprendere, nell`immediato futuro, in risposta alla difficile condizione di crisi.  Red/Pol

Annunci

30 luglio 2009 - Posted by | 1 | , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: