Alberto Monetti Web Site

Focus Idv del 1 luglio 2009


LODO ALFANO:DI PIETRO,ALFANO E 2 TOGHE CONSULTA SI DIMETTANO (ANSA) – ROMA, 1 LUG – La cena organizzata dal giudice  costituzionale Luigi Mazzella a casa sua, alla quale hanno preso  parte, tra gli altri, il presidente del Consiglio Silvio  Berlusconi, Gianni Letta, il ministro della Giustizia, il  presidente della commissione Affari Costituzionali del Senato  Carlo Vizzini e un altro giudice della Consulta Paolo Maria  Napolitano e’ un episodio ”gravissimo”, che ”mina l’immagine  e la sacralita’ della Corte”. Pertanto, il leader dell’Idv,  Antonio Di Pietro, con la sua interpellanza al Guardasigilli,  chiede ”immediate dimissioni” non solo del ministro Angelino  Alfano, ma anche dei due ”giudici spregiudicati”.    ”Qualsiasi decisione verra’ presa dalla Corte Costituzionale  sul Lodo Alfano – sottolinea Di Pietro – non sapremo mai se  sara’ il frutto di un’autonoma scelta della Consulta o della  riunione carbonara” con il premier ”pluri-inquisito”.    La Corte Costituzionale, sottolinea il leader dell’Idv, ”’e’  un organo talmente indipendente che in nessun modo puo’ essere  oggetto di interferenze e pressioni ne’ da parte del governo,  ne’ da parte di altri organi costituzionali”.    Di Pietro chiede quindi le dimissioni del ministro della  Giustizia Angelino Alfano, che invece di prendere parte alla  cena avrebbe avuto ”il compito di vigilare”, e dei giudici  costituzionali Mazzella e Napolitano. (ANSA).

LODO ALFANO:DI PIETRO,TOGHE SPREGIUDICATE INFANGANO CONSULTA (ANSA) – ROMA, 1 LUG – ”Con il vostro concorso e quello di  due giudici spregiudicati e’ stata infangata la sacralita’ della  Corte costituzionale”. Lo ha detto il leader dell’Idv, Antonio  Di Pietro, rivolgendo, nell’aula di Montecitorio,  un’interpellanza al ministro della Giustizia, Angelino Alfano,  che ha preso parte alla cena insieme al presidente del  Consiglio, Silvio Berlusconi, a Gianni Letta e al presidente  della commissione Affari costituzionali del Senato, Carlo  Vizzini.    All’interpellanza, pero’, non ha risposto il Guardasigilli,  ma il ministro per i rapporti con il Parlamento, Elio Vito, che  ha definito la cena tra i vertici dello Stato e quelli della  Consulta alla vigilia della decisione sul Lodo Alfano come un  ”incontro conviviale”.    Di Pietro ha affermato di ritenere la risposta di Vito  ”insoddisfacente e inaccettabile”. E ha accusato il  Guardasigilli e le due toghe della Consulta di aver ”minato la  credibilita’ della Corte Costituzionale”.    Di Pietro non si rivolge mai a Vito, nella sua risposta, ma  sempre ”al ministro della Giustizia che non c’e’ ”,  considerando l’assenza di Alfano nell’aula della Camera.    L’affondo di Di Pietro e’ durissimo: la decisione di prendere  parte a questa cena, soprattutto da parte del Guardasigilli e  anche del presidente del Consiglio ”che comunque e’  plurinquisito”, ha davvero minato ”la credibilita’ e  l’immagine della Corte”, che in Italia e’ l’istituzione  fondamentale (”sacra”).    Il leader dell’Idv afferma dunque di avere in questo governo  ”una totale sfiducia” e ricorda di aver promosso contro il  Lodo Alfano (”la legge che garantisce l’impunita’ al premier”)  un referendum popolare.(ANSA).  

VOLI STATO: IDV, AFFIDATI AI SERVIZI? SE VERO È GRAVISSIMO (ANSA) – ROMA, 1 LUG – Sarebbe ”gravissimo”: l’Idv, con il  capogruppo Massimo Donadi e la deputata Silvana Mura, scende in  campo contro l’ipotesi di segretare i voli di Stato.    ”Se queste notizie corrispondessero al vero – afferma Donadi  – ci troveremo di fronte ad un fatto di una gravita’ inaudita,  non solo ad un atto di imperio del presidente del Consiglio per  interessi personali, e non per ‘motivi di sicurezza e  riservatezza’ come recitano le motivazioni ufficiali, ma ad un  tentativo bello e buono di insabbiare la  verita’ e di  ostacolarla ora e per sempre”.    ”Impedire la pubblicazione di ogni sorta di intercettazioni  perche’ il premier ne e’ rimasto vittima, far calare il segreto  sull’uso dei voli di stato perche’ e’ stato dimostrato che il  premier li ha sovente messi a disposizione di suoi ospiti  privati, che non avrebbero avuto alcun titolo per utilizzarli –  ha commentato Silvana Mura, deputata dell’Idv – da’ vita in  misura sempre maggiore alla politica dell’ ‘aumma aumma’ che  piace alla casta e offende i cittadini”.     A parlare di voli di Stato gestiti direttamente  dall’intelligence e’ oggi il ‘Corriere della Sera’, spiegando  che la decisione del Governo sarebbe stata presa dopo la  pubblicazione delle foto del premier Silvio Berlusconi ”che  imbarca a bordo degli aerei con la sigla ‘Repubblica Italiana’ i  suoi ospiti privati”. Nella richiesta di avvio della procedura,  che secondo il ‘Corriere’ sarebbe gia’ stata trasmessa  all’Aeronautica Militare, i trasferimenti verrebbero incolonnati  sotto la voce ”sicurezza e riservatezza”. Tutti i documenti  relativi, scrive il Corsera, ”saranno coperti dal segreto”.  Comprese le liste dei passeggeri. (ANSA).    

BERLUSCONI: BELISARIO (IDV), ALFANO RIFERISCA SU CENA PREMIER-GIUDICI =  (ASCA) – Roma, 1 lug – ”Il ministro della giustizia venga a riferire in Aula per smentire o confermare la notizia, pubblicata dagli organi di stampa, relativa ad una cena riservata che nessuno si e’ premurato di smentire”. Lo ha detto il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato Felice Belisario, in apertura di seduta, e che su questo argomento ha presentato un’interpellanza urgente.     ”Questa cena – ha ricordato Belisario – avrebbe coinvolto due esponenti della Corte costituzionale, il Presidente del Consiglio, il ministro Alfano, il Presidente della Commissione Affari costituzionali del Senato, e pare anche gli avvocati del Presidente del Consiglio. In quella occasione si sarebbe parlato del lodo Alfano, che il 6 ottobre verra’ sottoposto all’attenzione della Corte costituzionale, quindi anche di due componenti che lo dovrebbero giudicare. E’ il caso di ricordare che, se dichiarato incostituzionale, obbligherebbe Berlusconi a farsi giudicare dal Tribunale di Milano che ha gia’ condannato il suo coimputato Mills”. Per Belisario ”inoltre, in quell’incontro si sarebbe parlato di un testo che probabilmente un componente della Corte costituzionale avrebbe preparato per modificare la Costituzione nella parte riguardante la magistratura. Sono quindi interrogativi di grande rilievo e di particolare che imporrebbero al ministro della giustizia di dire la verita’ al parlamento e al Paese senza giocare con le istituzioni”.   

DDL SICUREZZA: BELISARIO, CHIESTO DI NON STROZZARE DIBATTITO = (AGI) – Roma, 1 lug. – L’Idv chiede di non strozzare il dibattito nell’aula del Senato sulla fiducia posta dal governo al ddl sicurezza. “Abbiamo chiesto i tempi giusti per discutere su questo provvedimento ed illustrare la posizione dell’Idv di netta contrarieta’”. Lo dice ai giornalisti il capogruppo dell’IDV al Senato, Felice Belisario, al termine della Conferenza dei capigruppo. (AGI)          

CRISI ECONOMICA: IDV, DDL SVILUPPO SALVA LOBBIES ED E’ CONTRO CITTADINI =        Roma, 1 lug. (Adnkronos) – No alle norme contenute nel disegno  di legge sviluppo ”perche’ contiene norme a vantaggio di precise  lobbies e corporazioni e a danno dei cittadini”. Lo dichiara Antonio  Borghesi, vice capogruppo dell’Italia dei Valori alla Camera.  ”La prima delle lobbies che questo testo va a salvare – spiega  Borghesi – e’ quella degli industriali, con la vergognosa questione  della Class action. Non solo e’ stata modificata rispetto al vecchio  provvedimento, e di fatto svuotata del suo valore di arma di difesa  per i cittadini, ma ne e’ stata anche rinviata l’entrata in vigore”.  ”Un provvedimento anti cittadini, dunque – conclude Borghesi –  oltre che antifederalista, perche’ di fatto toglie spazio alle regioni in materie che erano di loro competenza. Un ennesima trovata del  governo per salvare le fasce forti e penalizzare i comuni cittadini.  Un provvedimento cui noi diciamo no”.

RAI: PARDI, TG1 CI IGNORA ANCORA PRESTO AZIONI CLAMOROSE = (AGI) – Roma, 1 lug. – ‘Ancora una volta il Tg1 ignora l’Italia dei Valori. Davvero non abbiamo piu’ parole per definire il comportamento del telegiornale di Minzolini che non ha mai dato, nella sua gestione, voce al nostro partito’. Pancho Pardi, capogruppo dell’Italia dei Valori in commissione di Vigilanza, denuncia l’ennesima censura del Tg1 ai danni dell’Idv. ‘Neanche oggi – prosegue il senatore Pardi – nonostante si stia discutendo di un tema fondamentale per il nostro paese come il pacchetto sicurezza, le quasi due milioni e 400mila persone che ci hanno votato alle Europee, l’8 per cento, non hanno potuto conoscere la nostra posizione. Non abbiamo accettato la logica spartitoria che da troppo tempo vige nella Rai, ma non per questo chi gestisce il servizio pubblico puo’ continuare a ignorarci. E’ una situazione che nella gestione Minzolini continua a essere sempre piu’ insostenibile. Non vorremmo essere costretti – conclude Pardi – ad azioni clamorose’. (AGI) 

GIUSTIZIA: PALOMBA (IDV), AL VIA ESAME PDL FALSO IN BILANCIO = (AGI) – Roma, 1 lug. – Oggi in commissione Giustizia della Camera e’ stato incardinato l’esame della proposta di legge sottoscritta da Antonio Di Pietro e Federico Palomba sulle modifiche alle disposizioni in materia di falso in bilancio e altri illeciti societari che propone il ripristino delle norme precedenti alle modifiche attuate dal governo Berlusconi nel 2002. Ad annunciarlo in una nota e’ stato Federico Palomba, capogruppo dell’Idv in commissione Giustizia della Camera.     “La filosofia del provvedimento – ha spiegato Palomba – risponde all’esigenza di garantire la veridicita’ di tutte le operazioni di materia societaria e finanziaria. Questa necessita’ e’ forte in una fase in cui la crisi mondiale e’ stata determinata proprio da irregolarita’ in materia economico e finanziaria e di cui il reato di falso in bilancio e’ stata la principale causa”.     L’Italia, ha aggiunto, “prenda esempio dagli altri paesi del mondo che attuano sanzioni molto severe contro questi manager criminali. Senza pene certe e severe, in Italia, a pagare saranno sempre i risparmiatori e le societa’ che si comportano correttamente. Spero – ha concluso Palomba – che il dibattito sulla materia venga impostata su basi tecniche ed economiche senza pregiudiziali di carattere politico’.

Intercettazioni/ Idv: Fermare ddl liberticida e pericoloso _Li Gotti: Magistratura e stampa da tempo nel mirino del premier Roma, 1 lug. (Apcom) – “Magistratura e stampa sono da tempo nel mirino del presidente del Consiglio. Per questo, nonostante i danni enormi che questo provvedimento arrecherà, ad esempio nelle indagini sulla mafia, specie nei cosiddetti reati satellite del crimine organizzato, Berlusconi e la sua maggioranza hanno deciso di non ascoltare i richiami non solo dell’opposizione, ma di tanta parte della società civile nonché i reiterati richiami del procuratore nazionale antimafia al fine di scongiurare l’emanazione di una legge che costituisce un regalo al crimine”. E’ quanto sostiene in una nota il senatore Luigi Li Gotti, capogruppo dell’Italia dei Valori in commissione Giustizia.   “Non voglio pensare che vi siano intercettazioni compromettenti per il presidente del Consiglio, come da più parti si vocifera – prosegue – ma chiedo, l’ho già chiesto in commissione e continuerò a chiederlo in aula, di fermare un disegno di legge liberticida e pericoloso. La sicurezza dei cittadini non si tutela né con il ddl su cui il governo ha posto la fiducia oggi né con il divieto delle intercettazioni. Questo governo ha sbagliato strada e per vendicarsi dei propri nemici ha deciso, per usare una metafora, di far morire Sansone con tutti i filistei”.

PUGLIA: ZAZZERA (IDV), AZZERAMENTO GIUNTA EFFETTO VICENDA GIUDIZIARIA = Bari, 1 lug. – (Adnkronos) – ”L’azzeramento della giunta  regionale pugliese e’ l’effetto di una vicenda giudiziaria, non  politica, che dimostra ancora una volta che esiste una questione  morale nel governo regionale”. Lo afferma il coordinatore regionale  della Puglia e deputato di Italia dei Valori, Pierfelice Zazzera.  ”Spiace che il presidente della Regione – aggiunge – se ne accorga  solo oggi a otto mesi dalla scadenza del suo mandato. Non credo che si possa fare in otto mesi quello che non si e’ voluto fare in quattro  anni. Per anni abbiamo denunciato – prosegue Zazzera – l’esistenza di  un enorme conflitto d’interessi in materia sanitaria legata alla  presenza in giunta dell’assessore Alberto Tedesco, ma le nostre  denunce solitarie sono rimaste inascoltate. Oggi – continua – la  situazione viene drammaticamente alla luce del sole e rende evidente  il fallimento del Governo Vendola travolto dalle inchieste  giudiziarie, e che azzera la giunta solo per evitare danni peggiori”. ”Ci sono direttori generali di Asl indagati ancora al loro  posto e sta emergendo un sistema di corruzione nella sanita’ pugliese  trasversale. Prendiamo atto della decisione del presidente Vendola di  azzerare l’esecutivo e di aprire una nuova fase politica allargando la coalizione a Udc e Idv. Ma Idv ribadisce di non essere interessata  alle poltrone. Ringraziamo il presidente per l’attenzione tardiva, ma  – conclude Zazzera – vogliamo confrontarci sui contenuti: la gestione  sanitaria, i vertici delle Asl chiacchierati da azzerare, la gestione  pubblica dell’acqua, i fondi e le risorse destinati alla formazione  professionale e, infine, la gestione del ciclo dei rifiuti. Su questi  temi i pugliesi si aspettavano la discontinuita’, su questi temi  vogliamo incalzare il presidente”.

Viareggio, De Toni (Idv): Piu’ soldi per sicurezza treni locali Roma, 01 LUG (Velino) – “Non e’ possibile che in questo Paese si continuino a dare i soldi per realizzare solo l’alta velocita’ e che nella realta’ delle ferrovie regionali e locali si continui a morire perche’ non si controllano i carri ferroviari che circolano nel nostro Paese”. Lo ha detto in aula, commentando l’informativa del ministro Matteoli sulla tragedia di Viareggio, il capogruppo dell’Italia dei valori in commissione Trasporti del Senato, Gianpiero De Toni. “Su questo punto – ha ribadito De Toni che ieri ha presentato un’interpellanza su questo tema – vogliamo chiarezza. I fondi che il governo Prodi aveva destinato alle Ferrovie dello Stato hanno subito con la legge finanziaria 2009 una riduzione del 32,5 per cento e gli incidenti ferroviari sono continuati ad aumentare. Ci sono troppi aspetti di questa vicenda che ancora non risultano chiari, troppi aspetti di questa vicenda che ripropongono l’annoso problema delle responsabilita’ per la grave situazione in cui versa lo stato della sicurezza del trasporto ferroviario del nostro Paese”. (com/mat)

Olio d’oliva, Di Nardo (Idv): Etichetta su tutti i prodotti Roma, 01 LUG (Velino) – “Finalmente uno dei nostri migliori prodotti agricoli, l’olio d’oliva ed extravergine d’oliva, fiore all’occhiello del ‘Made in Italy’, sara’ ulteriormente valorizzato”. Cosi’ il senatore Di Nardo commenta l’ entrata in vigore del Regolamento (Ce) 182 del 6 marzo 2009, che obbliga a indicare in etichetta la provenienza delle olive impiegate per produrre l’olio vergine ed extravergine di oliva in commercio. “Da oggi, in Europa, non sara’ piu’ possibile smerciare come made in Italy l’extravergine ottenuto da miscugli di olio spremuto da olive tunisine, greche o spagnole senza alcuna informazione per i consumatori. Qualita’ e  tipicita’ delle nostre produzioni agro alimentari dovrebbero essere piu’ valorizzate, soprattutto in questo periodo di crisi. Per questo, – conclude l’esponente dell’Idv – e’ fondamentale adottare un sistema di etichettatura chiaro e trasparente anche per tutti gli altri prodotti alimentari che ne sono ancora sprovvisti al fine di avere una vera e propria carta d’identita’ a garanzia sia dei cittadini, che possono scegliere,  sia dei produttori che possono cosi’ riavvicinarsi ai consumatori finali”. (com/rog)

Annunci

3 luglio 2009 - Posted by | 1 | , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: