Alberto Monetti Web Site

BRIGATE ROSSE: LE IDEOLOGIE

Secondo fondatori e dirigenti, le Brigate Rosse dovevano “indicare il cammino per il raggiungimento del potere e l’instaurazione della dittatura del proletariato e la costruzione del comunismo anche in Italia”. Tale obiettivo doveva realizzarsi attraverso azioni politico-militari e documenti di analisi politica detti “risoluzioni strategiche”, che indicavano gli obiettivi primari e la modalità per raggiungerli.
I Brigatisti ritenevano non conclusa la fase della Resistenza all’occupazione nazifascista dell’Italia; secondo la loro visione all’occupazione nazifascista si era sostituita una più subdola “occupazione economico-imperialista del SIM (Stato Imperialista delle Multinazionali)”, a cui bisognava rispondere intraprendendo un processo di lotta armata che potesse scardinare i rapporti di oppressione dello Stato e fornire lo spazio di azione necessario allo sviluppo di un processo insurrezionale. Le Brigate Rosse hanno quindi sempre rifiutato la definizione di “organizzazione terroristica”, attribuendosi invece quella di “guerrigliera”.
Il Professor Giovanni Senzani nei comunicati ufficiali delle BR nonché sugli stendardi che servivano di sottofondo per le fotografie ai cosiddetti “prigionieri politici” faceva iscrivere la frase: “La rivoluzione non si processa!”[6].
L’ideologia brigatista si riconduceva a dire chi la propugnava ad una “incompiuta lotta di liberazione partigiana dell’Italia”; come i partigiani avevano liberato il popolo dalla dittatura nazifascista, le BR avrebbero liberato una volta per tutte il popolo dalla servitù alle multinazionali statunitensi.
Alla logica partigiana si ispiravano i soprannomi che i brigatisti utilizzavano per celare la vera identità, nonché la struttura verticale dell’intera organizzazione: gruppi di fuoco inquadrati in cellule, a loro volta raggruppate in colonne sotto l’egida della direzione strategica.
In alcuni gruppi dell’estrema sinistra maoista e marxista-leninista, in alcuni dei collettivi autonomi, si vedeva un nesso tra sindacalismo militante ed azione partigiana: era la risposta da dare alla “Strategia della tensione” instaurata in quegli anni dai – si diceva – “servizi segreti deviati, complici della C.I.A.”.
“Alzare il livello dello scontro!” era lo slogan che condiva questa visione della realtà. Ad esempio, Mario Moretti proveniva dalle file del sindacato (Cisl).
L’altra anima delle Brigate Rosse fu quella della contestazione studentesca, nella fattispecie quella sorta alla Facoltà di Sociologia dell’Università di Trento, cui appartenevano sia Renato Curcio che la moglie, Margherita Cagol.
Le Brigate Rosse operarono in Italia a partire dall’inizio degli anni settanta, attraverso una struttura politico-militare compartimentata e organizzata per cellule.
Compivano atti di “guerriglia urbana” e terrorismo contro persone ritenute rappresentanti del potere politico, economico e sociale (uccisione, ferimento [7] o sequestro di numerosi uomini politici, magistrati e giornalisti).
Lo scopo dichiarato del piano brigatista era l’abbattimento dello “Stato Imperialista delle Multinazionali” (S.I.M.) e la sua sostituzione con una democrazia popolare espressione della dittatura del proletariato.

Annunci

29 marzo 2009 - Posted by | 1, Alberto Monetti, DOLO, POLITICA NAZIONALE, STRA, VIGONOVO | , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: