Alberto Monetti Web Site

DENTRO VENETO CITY

VENERDÌ, 24 FEBBRAIO 2006

La Nuova venezia

Pagina 13 – Economia

Intervista a Bepi Stefanel, uno dei promotori della più grande operazione immobiliare programmata a Nordest

Veneto City «E’ il segno del riscatto»

«Per risanare le ferite dell’industralizzazione»

PAOLO POSSAMAI

TREVISO. Bepi Stefanel ha un sogno. Vale un miliardo di euro (per difetto). L’industriale che ha prestato il suo nome a una dei marchi più celebri dell’abbigliamento casual è fra i motori dell’operazione Veneto City. Parliamo della più grande partita immobiliare programmata a Nordest, affacciata al punto di connessione fra A4 e Passante di Mestre. «Ma non è affatto una speculazione -dice Stefanel – voglio fare qualcosa per il Veneto, non contro il Veneto. E’ un sogno che coltivo da qualche anno, è il segno che voglio lasciare di me a questa terra da cui ho avuto tanto».

Ma che senso, che obiettivi ha Veneto City?

«Veneto City è il simbolo della fase due dello sviluppo del Nordest. Da terra agricola nell’arco di pochi anni siamo diventati area a fortissima vocazione industriale, macellando però il territorio. Veneto City può essere un risarcimento, un modo nuovo di edificare, di progettare sviluppo. Veneto City vuole essere il segno del riscatto contro il declino economico incombente».

Ma quel che lei chiama simbolo di riscatto non è pur esso una mega operazione immobiliare, nuovo consumo di territorio?

«Noi abbiamo commesso un errore, abbiamo comunicato poco il nostro disegno. E quindi i nostri critici non hanno guardato la luna, hanno osservato il dito che mostra la luna. Faccio notare che la nostra ipotesi di urbanizzazione riguarda uno snodo strategico, baricentrico del Veneto, magnificamente servito dalla maglia autostradale e ferroviaria, a breve distanza dal porto di Venezia e dall’interporto di Padova, dall’aeroporto Marco Polo, dalla città più bella del mondo. La nostra area è delimitata dall’autostrada A4 e dalla ferrovia Milano-Venezia. Abbiamo previsto di razionalizzare la viabilità e siamo interessati a costruire a nostre spese una stazione per la metropolitana regionale. In pratica la fermata Sfmr di Dolo-Mirano sarà arretrata di un chilometro rispetto all’ubicazione attuale e collegata a Veneto City tramite un tapis roulant, il tutto con una spesa stimata in 80 milioni di euro».

Oltre alle parole diciamo anche qualche numero. Il vostro progetto prevede 2 milioni di metri cubi su 600mila metri quadrati.

«Chi vede in queste cifre il sigillo di una speculazione sbaglia di grosso. Non vogliamo affatto costruire i soliti orridi capannoni industriali. Il nostro progetto sarà realizzato invece con il contributo dei più grandi architetti a livello internazionale. Vogliamo che i singoli edifici esprimano la massima qualità. Anche in questo sta la nostra sfida».

E quanto alle destinazioni d’uso del complesso?

«Qui sta il resto della sfida. Pensiamo a un sistema stellare, all’interno del quale il pianeta principale sarà il centro servizi per le imprese venete, che sarà specchio di tutto il made in Veneto, dedicato a ricerca e innovazione, marketing, analisi di nuovi mercati. Penso a uno show-room capace di mettere in mostra tutto il meglio della produzione veneta. Che senso ha che ogni paesetto preveda il suo showroom, con le scarpe in Riviera e lo sport-system a Montebelluna? Occorre fare massa critica. Prevediamo poi anche un formidabile centro congressi. Fra i vari satelliti rientrano anche edifici destinati alle istituzioni come Regione, Comuni, Provincia, e poi spazi per le associazioni di categoria, centri per l’artigianato, per la didattica. Ci sarà un centro direzionale e finanziario. Ristorazione e ricettività, con alberghi fino a mille posti letto. Ci sarà una piastra di negozi, ma anche spazi per il tempo libero e il fitness, cinema, teatro, piscine. Se Richard Branson mi chiede 10mila metri quadrati per fare un centro fitness come quello splendido che ha fatto alla Bicocca a Milano, perché devo essere così sprovveduto da non poter accogliere questa idea? Il perno del complesso sarà dato da una torre telematica alta 150 metri, con ristorante panoramico all’ultimo piano, dedicata alle compagnie telefoniche. Riteniamo che il polo di Veneto City attrarrà e gestirà 10mila posti di lavoro qualificato. Contiamo molto che il progetto sia ben compreso dal sistema universitario, poiché Veneto City con i suoi laboratori e la sua capacità di interazione con l’apparato industriale nordestino ha bisogno di ricercatori di livello. I nostri migliori cervelli devono poter restare a lavorare qui».

Che tempi prevedete per realizzare l’intervento?

«La Conferenza dei servizi dovrebbe essere in grado di approvare l’opera entro fine anno, anche perché i lavori del Passante e della Sfmr, con i quali ci dobbiamo coordinare, stanno proseguendo. Dopo di che ci vorranno circa 3 anni anni per costruire un polo che non ha eguali in Italia e che può essere davvero uno spartiacque storico. E’ la prima volta che un gruppo di privati ha una grande idea e si apre alle istituzioni, alle categorie economiche, ai veneti di buona volontà, per realizzare un’opera di fondamentale importanza per tutta la regione. Con umiltà e con trasparenza».

E se il vostro disegno non fosse accolto?

«Gran parte dei 600 mila metri quadrati da noi considerati hanno già attualmente destinazione industriale. Abbiamo insistenti richieste di grandi aziende di logistica che ci chiedono spazi. Sono convinto che di capannoni il Veneto ne abbia fin troppi, ma se non ci sarà consentito di fare altro che cappanoni non potremo esimerci da mettere a reddito il nostro investimento. Bilbao era nulla prima che Frank Gehry vi progettasse il Guggenheim Museum, che attira un milione di visitatori all’anno. Londra ha avuto il coraggio di recuperare i docks, Parigi ha volato alto con la Défense e la Villette. Possibile che qui non sia possibile fare altro che informi scatoloni di cemento armato? Non mi interessa nulla fare 10mila metri quadrati in meno, mi preme fare una cosa bella e valida per il Veneto del futuro. Ma i conti devono tornare, ovviamente, perché non sono un filantropo».

Pensa che Veneto City ci sarà anche un outlet?

«Stiamo valutando anche questa possibilità, come d’altronde tante altre».

 Ma questa operazione, per la mole degli investimenti e per la sua capacità attrattiva, non rischia di svuotare il commercio nei centri urbani e le attività di punta nelle zone industriali vicine? Che ne sarà dello sviluppo della cittadella prevista attorno all’aeroporto Marco Polo? E che ne sarà del recupero di Marghera?

«Veneto City non è in conflitto con niente, perché è una cosa diversa da quel che c’è. Al contrario, rappresenta una grande opportunità. Marco Polo City sarà poco più di un centro congressi con annessi servizi alberghieri. Credo che il nostro progetto possa favorire anche una trasformazione di Marghera, che abbisognerà di tempi lunghi di bonifica e di un disegno chiaro, di cui dovranno farsi carico soprattutto le istituzioni. Marghera troverà comunque un suo destino. Perché non potrebbe accogliere, per esempio, una mega darsena per yacht, per il turismo di lusso che vuole venire a Venezia via mare? C’è bisogno del contributo di tutti e di un coordinamento, di una cabina di regia per pensare al Veneto che sarà fra 20 anni. Un piano ambizioso ma necessario, se vogliamo evitare il declino. I miei compagni di viaggio e io lanciamo la sfida».

Chi sono i suoi soci in questa impresa? E quando e come nasce l’idea di Veneto City?

«Accanto a me ci sono Fabio Biasuzzi, Luigi Endrizzi, Giancarlo Selci e Olindro Andrighetti. Endrizzi e io abbiamo un po’ dei terreni in questione ormai da quasi dieci anni, in una zona a destinazione industriale. Se volessimo, potremmo già costruire 120 mila metri quadrati di capannoni. Per questo dico che non c’è speculazione, e i costi delle opere di interesse generale che faremo superano di gran lunga l’incremento di valore derivante dalle variazioni urbanistiche richieste».

Qual è l’estensione dei terreni in vostro possesso?

«Oggi disponiamo di 450mila metri quadrati, di cui 250mila già oggi edificabili a destinazione commerciale, industriale, direzionale. Siamo in trattativa per ulteriori 150mila metri quadrati».

Quanto avete investito finora e quanto vale Veneto City nel suo complesso?

«I terreni ci sono costati attorno a 30 milioni di euro, saremo bravi se alla fine avremo investito meno di un miliardo». 

Ma come è pensabile che un’operazione di questa portata sia rimasta carsica per tanti anni?

«Il vostro giornale, con l’inchiesta condotta da Renzo Mazzaro in particolare, ha fatto un eccellente lavoro di approfondimento. Noi siamo stati troppo concentrati sui progetti, meno sulla divulgazione. Ma recuperemo. Faremo convegni, pubblicazioni, un sito internet dedicato». 

Vi sono attribuite coperture politiche a destra e a sinistra.

«Lo so. Ma il governatore Galan e i Ds non hanno benedetto in alcun modo Veneto City. Scontiamo un sospetto immotivato».

Annunci

22 gennaio 2009 - Posted by | 1, Alberto Monetti, DOLO, STRA, VIGONOVO | , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: