Alberto Monetti Web Site

BERLUSCONI TEME LE INTERCETTAZIONI

BERLUSCONI PER LA SICUREZZA

DELINQUERE NON E’ REATO

 

 

 

I delinquenti di tutt’ Italia avranno vita facile d’ ora in poi

Questo l’ effetto del Disegno di Legge promosso dal Presidente del Consiglio all’ inizio della sua nuova legislatura, infatti il 13/06/2008 si è tenuto il Consiglio dei Ministri avente come oggetto disegno di legge concernente norme in materia di intercettazioni telefoniche telematiche e ambientali. Modifica della disciplina in materia di astensione del giudice degli atti di indagine e integrazione della disciplina sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche.

Quali le ragioni di tanta fretta?   Presto detto il 06/06/2008 l’ Avvocato del premier a sua volta onorevole di Forza Italia l’ avvocato Ghedini, discute col Gip di Napoli l’ invio alla Camera delle intercettazioni telefoniche tra Silvio Berlusconi e Sacca’, ma anche di quelle sul telefono di alcune ragazze protette dal Cavaliere. Che cosa abbiano detto le fanciulle non si sa. Ma è un fatto che, 2 giorni dopo la Missione Napoletana dell’ onorevole Avvocato, Berlusconi annuncia all’ assemblea dei giovani industriali la Legge anti intercettazioni e 5 giorni dopo, l’ 11 giugno tenta adirittura il colpo del Decreto,  che bloccato dal Colle viene ridimensionato con la formula del disegno di legge.

Di seguito alcuni dei reati che risulteranno di difficile persecuzione:

associazione a delinquere; sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione; sequestro di persona (se non a scopo di estorsione, cioè non mira a riscatto); truffa (anche ai danni dello stato e dell’ Unione Europea); violenza sessuale (anche ai danni di handicappati o di figli minorenni); violenza in famiglia; diffusione di materiale pedopornografico; corruzione di minorenne; ricettazione; rapina; estorsione; furto in appartamento; spaccio di droga, falsa testimonianza; falso in atto pubblico; accesso abusivo a sistema informatico; rivelazioni di segreti d’ ufficio malversazione ai danni dello Stato; reati economici, finanziari societari e tributari  (come l’ abuso di informazioni privilegiate, la bancarotta anche fraudolenta non aggravata, l’ ostacolo alle autorità di vigilanza, le frodi fiscali, le false relazioni, della società di revisione, l’ abusivismo in intermediazioni,finanziarie, di falso in prospetto per le quotazioni in Borsa, e ovviamente il falso in bilancio).

 

Questo i provvedimenti del GOVERNO a salvaguardia dei cittadini deboli alla faccia dei Decreti sulla sicurezza di Lega e Alleanza Nazionale promessi in campagna elettorale ma di difficile attuazione.

Il testo sopracitato è tratto dal libro di Marco Travaglio “IL BAVAGLIO”.

 

Alberto Monetti

Annunci

14 dicembre 2008 - Posted by | Alberto Monetti, POLITICA NAZIONALE

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: